Il processo di dismissione del patrimonio immobiliare pubblico deve necessariamente passare attraverso specifiche azioni di  censimento e attività di valorizzazione che riguardano il coinvolgimento di figure professionali “high profile”. Analizziamo di seguito l’esperienza di successo che condurrà l’Azienda Sanitaria Provinciale di Vibo Valentia verso il percorso di valorizzazione e dismissione del patrimonio immobiliare. 

L’appalto per l’accatastamento del Patrimonio Immobiliare dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Vibo Valentia aggiudicato dal commissario Straordinario alla società di ingegneria A&T vede coinvolti nelle attività di censimento, rilievo e accatastamento i tecnici del network TerritorioITALIA che operano nella regione Calabria.

Le tappe del progetto

Per la regolarizzazione del patrimonio immobiliare, è stato necessario effettuare preliminarmente una intensa attività di due diligence tecnico-amministrativa per ricostruire gli iter autorizzativi, le varie fasi progettuali e i passaggi di proprietà.

Il ruolo dei professionisti TerritorioItalia

Al termine delle attività di analisi, censimento e rilievo, molti immobili, fino ad ora sconosciuti sono stati dichiarati al NCEU presso l’Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale di VIBO VALENTIA – Ufficio provinciale – Territorio, in particolare, il patrimonio immobiliare accertato, dichiarato/regolarizzato consiste in ben 8 edifici destinati ad ospedale, 14 alloggi, 17 tra ambulatori, dispensari, comunità e case famiglia, 10 magazzini, 1 palestra, 3 terreni agricoli e 3 RSA ed uffici sanitari.

Gli Enti coinvolti 

I rilievi hanno impegnato diverse squadre di operatori topografici, operatori con droni e tecnici con esperienza nelle due diligence immobiliari per dismissione dei patrimoni pubblici. Per la ricerca della documentazione sono stati consultati oltre alla Conservatoria, gli Archivi Notarili, uffici regionali, vari uffici comunali, uffici del Genio Civile, Soprintendenza e Catasto. Il team centrale di A&T come previsto dal progetto del servizio, ha emanato gli standard tecnici e svolto attività di coordinamento e controllo qualità sulle delivery.

 

Modalità e istruzioni operative 

Le tempistiche e le istruzioni della commessa sono contenute in specifici documenti redatti in conformità alle norma uni ISO 9001. Ogni operatore ha preso visione delle istruzioni ed è stato formato per l’applicazione scrupolosa delle stesse.  

 

IO.01-Istruzioni operative per regolare le attività e tempistiche di commessa

IO-01.ASPVV_Allegato A_Esempio conformità planimetria_Rev 0 del 01.05.2014

IO-01.ASPVV_Modalità e Tempistiche di Commessa_Rev 0 de 01.05.2014l

Copertina_IO-02.ASPVV_Allegato A_Attestazione di Sopralluogo_Rev.0 del 01.05.2014

IO.02-Istruzioni operative per l’attività di sopralluogo

IO-02.ASPVV_Allegato A_Attestazione di Sopralluogo_Rev 0 del 01.05.2014

IO-02.ASPVV_Allegato B_Modello raccolta dati_Rev 0 del 01.05.2014

IO-02.ASPVV_Attività di Sopralluogo_Rev 0 del 01.05.2014

IO.03-Istruzioni operative per la contabilità e l’amministrazione della commessa

IO-03.ASPVV_Contabilità e Amministrazione_Rev 0 del 01.05.2014

IO-03.ASPVV_Allegato A_Elxxxxxxxxxxxxxx_Rev 0 del 01.05.2014

IO-03.ASPVV_Allegato B_Faxxxxxxxxxxx_Rev 0 del 01.05.2014

IO-03.ASPVV_Allegato C_Coxxxxxxxxxxx_Rev 0 del 01.05.2014

L’analisi di alcune fasi operative

Prenderemo come esempio un bene “campione” per rappresentare alcune fasi che hanno interessato il processo di valorizzazione:

A. Ricerca documentale legale e amministrativa

 

La carente, quasi assente documentazione amministrativa e tecnica ha implicato l’impiego di notevoli risorse per ricostruire le fasi procedurali, legali e amministrative che hanno attribuito negli anni all’Azienda Ospedaliera i diritti di proprietà. 

 

B. Ricerca documentale tecnica

 

 

C. Identificazione degli immobili e rilievi

 

Le verifiche strumentali, i sopralluoghi e le misurazioni, sono state effettuate scrupolosamente e per ogni singolo cespite (non a campione) da tecnici specializzati che compongono il team di Territorioitalia, competenti per il territorio della Calabria.

Per quanto riguarda alcuni edifici risultati completamente estranei agli uffici dell’Agenzia del Territorio, il team è stato supportato da specialisti topografi anch’essi appartenenti alla famiglia Territorioitalia, dotati di moderna strumentazione GPS e specifiche esperienze in rilevazioni e posizionamento di edifici complessi.

Le attività, seppur nel rispetto del capitolato di appalto, sono state condotte secondo i criteri e i metodi sperimentati negli anni dal team Territorioitalia, e monitorati dallo staff centrale di coordinamento. 

 

D. Restituzione grafica dei rilievi

 

 

 

E. Elaborazione delle pratiche catastali e deposito agli enti

 

Ogni fase operativa viene sottoposta ad analisi di qualità per verificare il rispetto dei requisiti minimi dettati dal manuale di commessa.

Ogni elaborato prodotto riporta nel dettaglio data e nominativi delle figure professionali coinvolte nel processo di elaborazione. Le delivery sono approvate da un ingegnere responsabile dell”ufficio delegato al controllo dei processi di qualità.

Il risultato

La conclusione delle operazioni di accatastamento, consentirà all’ASP di definire un elenco di beni alienabili da porre sul mercato. Il valore di vendita degli immobili sarà determinato da valutatori esperti con titolo UNI 11558 e sulla base dei più recenti richiami normativi e secondo la “best practice”.

Gli immobili saranno sottoposti ad indagini energetiche per l’emissione dei relativi Attestati di Prestazione.

 

 

Please follow and like us: